Lombalgia ricorrente

4 contenuti / 0 new
Ultimo post
marco
Offline
Ultima presenza: 10 anni 8 mesi fa
Iscritto: 20/06/2011 - 14:30
Lombalgia ricorrente

Buogiorno,

dopo anni di automassaggio e di esercizi di allungamento dei muscoli e mobilizzazione delle articolazioni, sono comunque soggetto a frequenti lombalgie che si risolvono spontaneamente in alcuni giorni. Credo di poter escludere come cause il gluteo medio e piccolo, l'ileopsoas, il quadrato dei lombi, il soleo, lesioni, discopatie.

Ecco quello che so del mio problema: il dolore parte sempre da un punto, o forse un breve segmento verticale, tra la spina iliaca posteriore sinistra e le ultime vertebre lombari, si diffonde verso l'anca ed il gluteo sinistro, ma non si irradia alle gambe; nelle fasi acute, colpi di tosse e sternuti o un piccolo inarcamento della schiena provocano fitte dolorose nel punto; la pressione con le dita sul punto non provoca dolore, le vibrazioni di percussioni ripetute invece sì (ipotesi: forse il dolore è in uno strato profondo della muscolatura?); una radiografia rivela ipolordosi e leggera scoliosi lombare ed una distanza minore del normale tra le vertebre L5 e S1; gli episodi di lombalgia si verificano quasi sempre con un impercettibile sbilanciamento in avanti (per esempio in piedi davanti allo specchio, ma anche seduto a tavola) seguito da una rapida contrazione, raramente invece dopo esercizi di allungamento o con i pesi o dopo una corsa; non ho problemi di rotazione, ma ho sempre avuto difficoltà a sollevare il busto da terra, a portare le ginocchia al petto e la testa alle ginocchia (ipotesi: erettori spinali deboli e retratti?); nei periodi normali, facendo esercizi addominali su panca inclinata avverto comunque una debole e remota tensione nel punto indicato, sempre solo a sinistra.

Questa descrizione suggerisce qualche ipotesi, per esempio un muscolo multifido da rinforzare e/o allungare o problemi con l'articolazione sacroiliaca?

Grazie. Cordiali saluti.

marco

Italiano
admin
Offline
Ultima presenza: 1 mese 3 settimane fa
Iscritto: 03/03/2009 - 17:51
Salve Marco, mi spieghi come

Salve Marco, mi spieghi come fai ad escludere Quadrato e Psoas?

Questi due muscoli sono generalmente i responsabili principali in condizioni dolorose di questo tipo. Prova a fare regolarmente lo stretching specifico per Quadrato e Psoas possibilmente accompagnato da automassaggio (non facile da fare in questo caso).

Inoltre, automassaggio di tutta l'area dei glutei tramite palla da tennis contro il muro.

La distanza intervertebrale ridotta L5-S1 in genere non e' tanto causa quanto effetto di Quadrato e Psoas ipercontratti

marco
Offline
Ultima presenza: 10 anni 8 mesi fa
Iscritto: 20/06/2011 - 14:30
Faccio già regolarmente

Faccio già regolarmente quanto indicato nella risposta (era il senso della premessa nel mio messaggio): questo è uno dei motivi per cui tendo a escludere Quadrato e Psoas. Un altro motivo per cui escluderei lo Psoas è il tipo diverso di dolore che provoca (l'ho provato); un motivo per cui escluderei il Quadrato è l'orientamento verticale anziché orizzontale del dolore.

Ho la sensazione che la zona del coccige non sia estranea al mio problema.

Nella "Mind Map" si citano anche i "Muscoli spinali profondi" e "Muscoli spinali superficiali" come possibili responsabili di dolore riferito nella schiena bassa: l'elenco dei sintomi che ho descritto non sembra puntare lì?

admin
Offline
Ultima presenza: 1 mese 3 settimane fa
Iscritto: 03/03/2009 - 17:51
Certamente, una volta provati

Certamente, una volta provati alcuni muscoli se non c'e' risoluzione si allarga la cerchia di possibili candidati.

Tuttavia nota bene, si continua a lavorare anche su quelli iniziali, in quanto la mancanza di miglioramento puo' voler dire che non erano i muscoli giusti, ma puo' anche voler dire che non si stavano massaggiando i punti giusti o che lo si stava facendo in maniera insufficiente. Fra l'altro, il massaggio e' sempre benefico, a prescindere, quindi c'e' solo da quadagnare a massaggiare un muscolo in piu'.

I muscoli paraspinali si massaggiano agevolmente con la palla da tennis, ma per quelli profondi occorre notevole precisione e penetrazione,cosi' e' meglio usare le dita rafforzate.

Questi ultimi (spinali profondi) sono responsabili di spostamenti vertebrali specialmente rotazioni, che poi possono causare una serie di problemi anche viscerali a causa dei nervi compromessi. Causano un tipo di dolore profondo e circoscritto che viene avvertito come nella vertebra stessa. Il dolore non e' riferito a distanza ma e' nella zona del Punto Trigger.

Invece gli spinali superficiali causano dolore piu' diffuso, tipo crampo alla schiena.

Facci sapere come va e in bocca al lupo!